Le modelle -2 di 3

pleasure11

Pleasure & pain – Andros

Le modelle – 2 di 3

Continua dalla prima parte

Nel 1864 Rodin conobbe Rose Beuret, una ricamatrice quasi analfabeta, la portò nel suo atelier e la tenne con sé per tutta la vita, come modella, amante e donna di casa, avendo da lei un figlio. La sposò solo nel gennaio del 1917, due settimane prima che lei morisse, e lui stesso morì nel novembre di quell’anno. Rodin diceva che solo l’amore avesse valore, ma forse si riferiva al sesso: era soprannominato dalle sue allieve “satiro bruto”; ci provava con tutte e spesso ci riusciva. Gli ultimi vent’anni di Rodin furono un susseguirsi di imprese erotiche. Il suo studio era sempre pieno di giovani modelle, mentre Rose gli consentiva qualsiasi libertà. Negli ultimi anni produsse migliaia di disegni di nudi, un’impressionante parata di vulve.

Monet sposò la modella Camille Doncieux, e sperperò subito la sua dote; ridotto in miseria, la abbandonò nel 1867, incinta, per poi tentare di annegarsi senza successo e tornare da lei.
Quando Camille fu in punto di morte, Monet portò in casa l’amante Alice, che alla scomparsa di Camille chiese di distruggere tutto ciò che la ricordasse; Monet la accontentò.
Alcuni artisti hanno descritto come il rapporto con le modelle fosse fonte di eccitazione, come Delacroix, che scrisse: “Quando aspettavo una modella, ogni volta, anche quando ero più indaffarato, diventavo sempre più turbato man mano che si avvicinava l’ora, e fremevo udendo metter mano alla chiave. Mi metto al lavoro come altri corrono dalle loro amanti.”

La tensione sessuale nel rapporto lavorativo tra artista e modella sembra essere una costante, alcuni venivano presi da veri attacchi di libidine. Capitava per esempio a Giovanni Boldini, che spesso provava a concupire le donne altolocate che ritraeva, anche se posavano vestite di tutto punto. Il mercante d’arte Daniel Wildenstein ha un ricordo illuminante su Boldini: “Si era fatto espellere dagli Stati Uniti perché appena arrivato aveva tentato di violentare delle signore dell’alta società che posavano per lui come modelle.”
La fama di Boldini era ben nota, qualsiasi donna posasse per lui sapeva di doverne subire gli assalti. La figlia del duca Agenor, Elisabeth de Gramont, constatò di persona il suo modo di operare: “Boldini si offrì di farmi il ritratto per ringraziarmi di aver fatto cambiare posto a un suo dipinto in una esposizione. Posai due o tre volte nel suo studio, ma comprendendo che in un modo o nell’altro bisognava pagare, interruppi le pose.” Pare però che buona parte delle aristocratiche e delle celebri artiste di teatro non disdegnasse le sue libidinose attenzioni.

A cavallo tra Ottocento e Novecento, lo scultore Arrigo Minerbi aveva l’abitudine di farsi sollazzare oralmente dalla modella durante le pause di lavoro. Era un’abitudine di lunga data che, arrivato a un’età più matura, gli faceva temere di subire un infarto sul più bello, cosa che lo avrebbe messo in una situazione disdicevole. Per evitare che questo accadesse, si faceva praticare la fellatio ai piedi di una statua in lavorazione, dando istruzioni alla modella: in caso di morte improvvisa avrebbe dovuto mettergli il martello nella mano destra e lo scalpello nella sinistra, in questo modo avrebbe fatto credere di essere morto mentre scolpiva.

Il luogo comune secondo cui le sedute con le modelle finissero a letto era diffuso – e in parte lo è ancora oggi – e per questo molti artisti erano gelosi, volevano che posassero solo per loro: sapevano che lasciarle posare per altri voleva dire essere traditi.
La gelosia per una modella è al centro di un aneddoto sul celebre dipinto di Courbet “L’origine del mondo.” Courbet ebbe modo di conoscere a Trouville il pittore James Whistler e la sua partner, Joanna Hefferman, una modella irlandese nota come Jo la Rossa per il colore della chioma. Nel 1866 Whistler partì per il Sud America, lasciando in Normandia Jo e Courbet; al ritorno trovò il famosissimo dipinto, e riconobbe nei peli rossicci del pube dipinto quelli della propria amata. Capì subito che lei si era prestata a fare da modella, si infuriò, e ruppe sia l’amicizia con Courbet sia la storia con Jo.

L’influente critico John Ruskin ebbe modo di scoprire quanto fosse pericoloso lasciare che la propria compagna facesse da modella: quando uno dei suoi protetti preraffaelliti, John Everett Millais, ritrasse sua moglie Effie per il dipinto “The Order of Release”, tra i due scoccò una scintilla. Effie chiese quindi l’annullamento del matrimonio – anche perché Ruskin aveva un bel po’ di problemi mentali e sessuali, e nonostante i due fossero sposati da anni Effie era ancora vergine. Ottenuto l’annullamento, Effie e Millais si sposarono, ed ebbero ben otto figli. La numerosa famiglia fece aumentare il bisogno di soldi del pittore, che adeguò la propria pittura alle nuove esigenze, e per questo fu criticato da molti, come William Morris, che lo accusò di essersi svenduto per ottenere ricchezza e popolarità.

Alcune modelle hanno lavorato per molti artisti famosi, diventando a loro volta artiste. È il caso di Suzanne Valadon, che fu modella prima per Puvis de Chavannes, poi per Renoir, Toulouse-Lautrec, Degas, De Nittis, Zandomeneghi, Steinlen e altri.
A diciassette anni ebbe un figlio, ma non disse mai di chi fosse, anche perché in quel periodo si divideva tra de Chavannes, Toulouse-Lautrec, Renoir e lo scrittore Miguel Utrillo. Miguel, benché convinto di non essere il padre, si offrì di dare il nome al bambino, che si chiamò Maurice Utrillo e diventò un celebre pittore. Su questo episodio c’è un aneddoto secondo il quale Renoir avrebbe negato la paternità dicendo: “Non può essere mio, il colore è terribile!” Degas invece l’avrebbe negata dicendo: “Non può essere mio, la forma è terribile!” A quel punto Miguel Utrillo avrebbe accettato di dare la paternità al piccolo dicendo: “Sarei contento di dare il mio nome all’opera di Renoir o di Degas!”
Si tratta di un’invenzione, anche perché quando in un’intervista chiesero a Suzanne se fosse andata a letto con Degas, rispose: “No, mai, ne aveva troppa paura, lui.”

Kiki di Montparnasse, vero nome Alice Prin, fu invece la regina della Parigi mondana degli anni Venti. Modella di tanti artisti, come Moise Kisling e Foujita, con il quale ebbe una storia, così come con il disegnatore Henry Broca. Ebbe poi una lunga relazione con Man Ray, infine si dedicò anch’essa alla pittura. Quando conobbe Man Ray nel 1922 lei era già ben nota e lui appena giunto a Parigi; lei si spogliò per posare, ma invece i due finirono per fare tutt’altro. Nacque così un sodalizio celebrato da tantissime foto di Man Ray, come “Le violon d’Ingres” e “Noire et blanche.” Man Ray scattò anche delle foto pornografiche, non svelando mai il nome della modella, ma secondo alcuni potrebbe essere stata proprio Kiki.

Continua nella terza parte…

Andros

Prima parte
Terza parte

Tratto dal libro “Storia dell’artista” (brano rielaborato), edizione ebook e cartacea 2014.

completa da pdf

Storia dell'artista - versione cartacea disponibile presso: IBS - Mondadori
- Hoepli - Unilibro - Webster - Amazon - Deastore - Feltrinelli - Wuz - Goodbook
Ebook disponibile presso: IBS - Mondadori - Hoepli - Unilibro
- Webster - Amazon - Deastore - Feltrinelli - Bookrepublic - Rizzoli - Ebookizzati
- Google play store - Kobobooks - Ultimabooks - Mediaworld - Cubolibri - 9am
- Libramente - Libreriaebook - Biblonstore - Il fatto quotidiano - L'Unità

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
Tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

3 Responses to Le modelle -2 di 3

  1. helios2012 says:

    Forse facevi prima ad elencare chi non aveva mai avuto rapporti con le modelle….(sempre sia esistito qualcuno)

    Leggendo mi è venuto in mente che alla loro epoca ci devono essere stati altrettanti ‘guardoni ‘ che li hanno spiati dal buco della serratura per poter leggere ai giorni nostri tale documentazione e si sa che i guardoni hanno la fantasia accesa…:)

    Mi riservo il beneficio del dubbio 😉

    Ciao

    • Andros says:

      Anche gli astenuti sono tanti, soprattutto in tempi recenti: se uno provasse oggi a fare quello che faceva Boldini lo lincerebbero. Puoi rubare, frodare, associarti alla mafia, commettere qualsiasi nefandezza e passarla liscia, ma se trombi una volta di troppo sei fottuto. La politica insegna.
      La documentazione spesso viene dai diretti interessati, per esempio le modelle parlavano tanto, rilasciavano interviste e memoriali, forse per brillare di luce riflessa. Del resto, lo fanno ancora oggi molte ex di personaggi famosi. Quanto al dubbio, lo coltivo sempre anche io, ma in questo caso in senso inverso: penso che le cose siano andate in modo molto più piccante di quanto ci è dato sapere. Buon per loro. 😉

  2. helios2012 says:

    Starebbe a significare che con il dubbio, io in un senso e tu nell’altro, abbiamo ristabilito l’equilibrio 😉

Leave some words