Il Maestro e il Professore

Andros - No-body - Il Maestro e il Professore - andros art,contemporary art website,art painting sculpture sito d'arte blog,art news aphorisms

Andros
No-Body
Epoxyurethanic resin

Il Maestro e il Professore

Nel quasi lontano 2008, scrissi questa piccola testimonianza…
—————————-
Una mattina, accendendo lo stanco e rumoroso computer, obsoleto come tutti i computer più vecchi di un giorno, trovo una sorpresina nella posta elettronica.
Tra le innumerevoli offerte di Viagra a buon prezzo, driblando i vari “enlarge your penis”, scartando spam di varia e sospetta natura, cestinando duecento inviti a mostre che quasi sicuramente nessuno andrà mai a vedere, e leggicchiando altri duecento inviti a mandare una mia opera per una collettiva in favore dei profughi del Krakatokistan, dei cuccioli di squalo affamati in via d’estinzione o dei sopravvissuti alle mozzarelle diossiniche, cosa trovo di bello? Un’occasione imperdibile.
Dandomi dello “spett.le Artista”, una galleria di Lucca m’invita a partecipare a un progetto.
In passato, qualcuno mi aveva appellato con “spettabile”, e altri anche con “artista”, ma mai nessuno mi aveva dato l’onore della “a” maiuscola; da buon egocentrico mi lascio intenerire, e decido di leggere il resto.
La proposta è di quelle che fanno tremare le ginocchia, di quelle che possono cambiarti la vita; la partecipazione a un libro, con la foto di un’opera e una critica appositamente scritta per l’occasione nientepocodimenochè da uno dei critici d’arte più noti d’Italia: forse d’Europa?
Un tipo vittorioso, forse un po’ sgarbato, ma uomo di grande cucùltura.
Roba da non credere! Una star come lui!
Ovviamente, mi avverte il gentile gallerista, per accedere al prezioso tomo, bisogna passare la selezione dell’Esimio Professore. Anche lui meritevole di maiuscola.
E ovviamente, ci tiene a farmi sapere l’esperto mercante d’arte, l’Artista, per avere l’incommensurabile onore di una paginetta con foto e critica vergata dal Grande Professore, deve sostenere delle spese.
Ma certo.
Ci tiene anche a rincuorare il mio portafogli, e a farmi sapere che su questo punto è giunto a un “vantaggiosissimo risultato.”
E io mi chiedo: vantaggiosissimo per chi?

Incuriosito oltremodo e con l’arrivismo in subbuglio per la grande fortuna che mi è capitata (oh, guardate che sono sarcastico, eh? No, perché si fa presto a fraintendere…), chiedo lumi sul costo dell’operazione, vagheggiando già di tappeti rossi stesi e di ingressi trionfali nella Storia dell’Arte: ammesso che l’Eccelso Professore mi ritenga degno delle Sue parole. Ovvio.
La risposta arriva presto, e stavolta viene data al “gent.mo Maestro Andros”; sono diventato maestro nel volgere di due e-mail. E anche stavolta con la maiuscola!
A questo punto sono quasi commosso, e inizio a provare trasporto amoroso (bleah!) nei confronti di quest’uomo così prodigo di maiuscole… quale ego ipertrofico saprebbe resistere a una simile titillata?
Per pura curiosità masochistica, e per fare i conti in tasca ai dritti di turno, continuo a leggere e scopro che, per ottenere una paginetta nel libro, il Maestro deve sborsare 2.800 euro più Iva, che in stampatello fanno 3.360 euro. Sempre che il Sommo Professore dia il benestare.

Ora, a parte il fatto che tra maestri e professori mi sembra di essere tornato a scuola, è più che chiaro che questa offerta è vantaggiosissima per tutti, tranne che per gli artisti.
Di quante pagine sarà composto questo libro? Probabilmente tante quanti saranno i Maestri disposti a farsi prendere per la cattedra. E se non sono all’altezza dell’Immenso Professore? Ma a chi importa: non penso proprio che lui perda il Suo Prezioso Tempo a fare selezioni. I soldi hanno tutti lo stesso colore e sono la più convincente delle opere d’arte: un buon affabulatore trova due paroline buone anche per il più scadente degli improvvisati.
Quindi tante pagine, e tanti bei soldoni nelle casse di gallerista, editore e Insigne Professore: anche se del libro non si dovesse vendere una sola copia; cosa più che probabile.
Senza nulla togliere al Professore, il Maestro con 3.360 euro riesce a trovare almeno 3.360 cose più interessanti, utili e divertenti da fare; e se proprio vuole buttare i propri soldi, può sempre farlo con i gratta e vinci, se non altro parte di quei soldi finisce nel restauro delle opere d’arte.
Almeno, così dicono.
Sì, sì, lo so… anche i critici devono guadagnare, è un lavoro come un altro. Non ho mai sostenuto che debbano lavorare gratis: ma proprio l’artista deve pagare?
Il soggetto della critica che paga il critico?
Che valore può avere? Potrà mai essere una critica sincera e disinteressata se è pagata dall’artista stesso? È come se un controllore fosse pagato dal controllato; cosa che a onor del vero in Italia accade con una certa frequenza.
Gli artisti dovrebbero imparare a dire no a queste pagliacciate.

Ora mi resta un solo dubbio: come rispondere a tale cortese e generosa offerta?
Forse digerendo ad alta voce? Un bel ruttone simpsoniano completo di vibrazione delle labbra.
O magari con un garbato invito? Mandandoli tutti a trotterellare con l’ano sulla punta di un iceberg.
Ecco, sono questi i dilemmi che mi lacerano…

————————-

A quattro anni di distanza, molte cose sono cambiate, ma la stagione di caccia all’artista pagante non si è ancora chiusa, anzi, lo stalking artistico è aumentato, le e-mail sono raddoppiate, triplicate, decuplicate, e ai vecchi nomi se ne sono aggiunti di nuovi. Case editrici, gallerie, critici e persino programmi tv spuntano come funghi velenosi, pronti a fiondarsi sui portafogli degli artisti ingenui e/o ricchi e/o arrampicatori e/o illusi. Per non parlare dei concorsi d’arte, che ho il sospetto stiano dando di che vivere a un bel po’ di famiglie, seconde e terze mogli comprese.
Però qualcosa di diverso c’è: poco tempo fa ho ricevuto una nuova offerta di partecipazione all’ennesimo almanacco dei top-super-ultra-migliorialmondo artisti contemporanei, sempre con critica del solito Illustre Immenso Immarcescibile Professore sgarbato, ma stavolta “l’impegno economico da sostenere” (grazioso eufemismo furbaceo) ammonta a “soli” 390 euro, più 13 per le spese di spedizione del libro.
Da 2.800 più IVA a 390 più spedizione…
È proprio vero che sono tempi duri.

Andros

Save

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
Tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

6 Responses to Il Maestro e il Professore

  1. helios2012 says:

    Ho riso leggendoti…anche se ci sarebbe poco da ridere alla luce dei fatti.

    Nulla è cambiato, anzi peggiorato. Ho notato dalle e mail che ho ricevuto anch’io e cestinato che il soggetto si riproduce non solo attraverso un canale, ma parecchi canali e sempre che il soggetto ne sia consapevole della moltiplicazione dei canali. Lascio sempre il beneficio del dubbio perché spesso un peccatore rischia di vedersi attribuire peccati anche non suoi 🙂

    Pseudo gallerie, pseudo comitati, pseudo coordinatori artistici che si moltiplicano alla velocità della luce a cui poco interessa dell’arte e degli artisti , ma del business per se stessi. Alcuni personaggi citati in queste mail (il presidente che seleziona per l’altro critico …allora era un critico d’arte) circolavano già 13 anni fa nelle prime biennali regionali dove a fare da referente erano nomi di tutto rispetto (nel senso conosciuti) e all’inizio, va da sé che molti inciampassero e non solo artisti ignari o egocentrici, ma anche persone serie e addetti ai lavori.
    Certo che, compreso il meccanismo, cadere in situazioni conosciute ormai, al contrario di 13 anni fa dove l’informazione attraverso il web era praticamente nulla, è davvero inconcepibile. Purtroppo rimane il fatto che non ci sono alternative : o si rimane nella condizione di accettare di tutto e di più o se ne esce in maniera coerente rischiando anche di scomparire nel nulla. C’è da dire che forse è meglio scomparire con pochi estimatori veri che non rimanere alla ribalta con una marea di pecore pilotate. 😉

    • Andros says:

      Un peccato in più o uno in meno, credo che per l’Illustre Professore non faccia molta differenza; e poi, a quanto pare, continuano a stimarlo qualsiasi cosa faccia, per cui… 😉

      È vero, fino a una decina d’anni fa certe cose non si sapevano, o perlomeno non tutti le sapevano, ma oggi questi meccanismi dovrebbero essere ben chiari. Credo che alcuni artisti ci provino lo stesso, forse pensando che per loro funzionerà, o forse perché come dici anche tu le alternative a volte scarseggiano.
      Il rischio di scomparire è molto alto, e quindi l’arte che dovrebbe dare un senso diventa la causa di una mancanza di senso.
      È anche grazie alla penuria di opportunità e a questo senso di isolamento che i dritti hanno gioco facile nello sfruttare gli intenti artistici, concreti o no, di tante persone.

  2. helios2012 says:

    Forse gli artisti ,che hanno anche loro delle colpe, dovrebbero unirsi nel rispetto di tutti e di tutte le espressività, cosa che invece spesso non avviene per forte egocentrismo, poco altruismo e tendendo a distruggere anche quel poco di buono e di utile che si potrebbe fare per la categoria.
    Secondo me è l’unica maniera per uscirne. Se la materia prima è unita, gli sfruttatori e tutti quelli che si sono inventati un mestiere senza che l’arte neppure interessi, andrebbero a spigolare altrove e si annullerebbero di conseguenza.

    • Andros says:

      Forse sì, ma dalle gilde medioevali a oggi i tentativi sono stati tanti, e si sono tutti trasformati in strumenti oppressivi, persino le gallerie private in principio rappresentavano una garanzia e una liberazione.
      Se anche fosse possibile un’unione tra gli artisti, in breve tempo si trasformerebbe in una nuova forma di repressione, per quanto subdola e celata.
      E poi, lo sport preferito da molti artisti è mettere bastoni tra le ruote degli altri artisti; vuoi toglier loro tutto il divertimento? 😉

  3. Aleppe Papesatan says:

    Meglio scomparire tout court. Che poi la differenza fra prima e dopo neanche si nota…

Leave some words

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.