Bara 19: Latore di Babele

Andros - Creed card - Bara 19: Latore di Babele - andros art,contemporary art website,art painting sculpture sito d'arte blog,art news aphorisms

Andros – Carta Di Credo Per Sacromat
Plastica e legno

Bara 19: Latore di Babele

[…] Ci accolse un triste corteo di protesta non autorizzato, composto da un solo manifestante munito di cartello con lo slogan: “La bellezza svenderà il mondo”; otto camionette della polizia sciolsero il corteo, e il manifestante, a colpi di lanciafiamme. Nei grandi spazi del centro, tempestati di megaschermi sintonizzati sui tanti canali monomaniaci svezzati con notizie verosimili e poco rilevanti, le trasmissioni rimbombavano accavallandosi.

*…Cosa si prova a essere diventata d’un tratto una sculettante e osannata televisina?*
*È un gran traguardo, ma è anche un inizio, non voglio puntare la carriera solo sulla mia travolgente bellezza; anche se essere una M0F0V0 è una grande fortuna per me e per il conto in banca del mio chirurgo.*
*Bella, modesta e intelligente, quindi. E ora parliamo d’amore: come ci si sente a stare con un calciatore bello, ricco e famoso?*
*Bene; finché c’è la salute economica…*
*Prima di conoscerlo, lei non si interessava di calcio; adesso è riuscita almeno a capire cos’è un fuori gioco?*
*No, ma in compenso ho sempre saputo cos’è un fallo…*

Una cinquantenne adolescente sfilò la carta di credo dalle mutanga che le spuntavano dai pantaloni e la infilò nella fessura dell’imponente sacromat affiancato alla PrayStation, proprio al centro del centro commerciale, a dominare l’intero tempio alla moneta. Una gracchiante voce femminile disse:
«Scegliere la religione desiderata.» La donna eseguì.
«Digitare il codice vaticano segreto» disse ancora la voce sintetica.
Sul monitor apparvero le scritte: “Battesimo”, “Matrimonio” e “Estrema Unzione”. La giovincella fece la sua scelta, mentre tra le labbra faceva scoppiettare una gomma da martirizzare all’ostia consacrata.
«Assunta Precaria» riprese la voce, «vuoi tu prendere in sposa te stessa nella salute e nella malattia, nella gioia e nel dolore, nella buona e nella cattiva sorte, per amarti, onorarti e rispettarti finché morte non ti separi?» Assunta toccò il monitor sul “sì.”
«Assunta Precaria, io ti dichiaro moglie di te stessa.»
Mentre la ricevuta e la carta di credo uscivano a riveder le stelle, sul monitor lampeggiava la scritta: “Se vuoi annullare il matrimonio, scegli un avvocato e gira la Sacra Rota.” L’autosposata pigiò il tasto “Ite Visa est” e si allontanò grattandosi la bestemmia tatuata su un bicipite. […]

Andros

Brano tratto dal libro “Codice a bare”, prima pubblicazione 2009.
Seconda pubblicazione, nel solo formato ebook, 2016.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailby feather
Tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Leave some words

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.